Villa Bellavista Borgo a Buggiano

La Villa Bellavista situata a Borgo a Buggiano, a 4 km da Montecatini Terme, è una villa storica considerata la seconda più bella e grande d’Italia, dopo la Reggia di Caserta.

Storia

Il terreno, all’origine di proprietà di Cosimo III De Medici, fu venduto a Francesco Feroni. L’edificio, così come lo vediamo oggi, risale a poco dopo il 1673 e i lavori furono commissionati a Antonio Maria Ferri che lo progettò nello stile del Barocco fiorentino.
Feroni non riuscì mai a vedere conclusa l’opera architettonica, che fu terminata solo dopo la sua morte, nel 1699 ma il figlio, entusiasta, incaricò allo stesso Architetto di erigere anche una cappella accanto alla Villa.
Successiamente a causa di bonifiche del territorio circostante la villa, alla fine del settecento,
rese quest’ultimo, soggetto a continue inondazioni ed acque stagnanti. I Feroni cedettero così la villa al barone Giuseppe Ardia nel 1829.
Nel 1939 fu acquistata dal Ministero dell’interno. In seguito vi fu collocata una casa di convalescenza dei Vigili del Fuoco in onore di Tullio Baroni. Durante la guerra divenne un ospedale prima tedesco e poi alleato e dopo divenne un istituto per l’accoglienza degli orfani dei Vigili del Fuoco.

Ad oggi, al piano terra è stato allestito un Museo Regionale del Corpo dei Vigili del Fuoco. Sono raccolti strumenti, costumi e immagini che ricordano l’impegno e le imprese del coraggioso corpo dei pompieri.

 Il Parco

La villa si raggiunge percorrendo un viale che attraversa un grande prato. Il viale presenta ai suoi lati una fila di cipressi alternati a delle statue in stile Neoclassico. Il percorso di interrompe alla cornice di una fontana molto estesa, ubicata quasi a ridosso della villa.

L’esterno della villa

La villa è di grandi dimensioni, costituita da 3 piani e presenta ai quattro spigoli, quattro possenti torrette sporgenti. Al livello del primo piano presenta una balconata in ferro battuto, che la attraversa per tutto il perimetro.
La rifinitura murale della villa è costituita da un intonaco dal colore bianco-giallo opaco, in contrasto con le cornici e iprofili delle torri, in pietra serena.
La facciata anteriore presenta al centro, un grande orologio situato all’altezza del tetto, perfettamente allineato all’ingresso pricipale, il quale è costituito da tre archi, uno maggiore e due minori laterali. Essi costuiscono un loggiato antistante l’ingresso vero e proprio che è retto da colonne doriche.
La facciata posteriore, invece, presenta una struttura più semplice: una scala a doppia rampa che si allunga fino alla strada.

L’interno della villa

L’interno presenta una serie di ambienti distribuiti intorno a un grande salone centrale a doppia altezza, che presenta una balaustra con alcune rientranze nelle quali in passato i musicisti si sistemavano per esibrsi nelle serate di gala.
Esso presenta una grande quantità di affreschi (Ad opera, nella maggior parte dei casi, di Pier Dandini) dei quali il più imponente, situato nel soffitto, rappresenta una scena di guerra contro i turchi (Opera commissionata dal primo proprietario).
Le volte e gli affreschi coprono tutti gli ambienti così come in tutti gli ambienti compaiono i camini.

La cappella

Foto della cappellaLa cappella, posizionata a destra della villa, ha una pianta quadrata e una grande cupola centrale sormontata da una lanterna. Il prospetto frontale è costituito da un loggiato ad archi e l’ingresso è rialzato rispetto alla linea di terra. Le aperture laterali sono piccole e rettangolari, e incorniciate in pietra serena, che, come nella villa, crea un contrasto elegante con l’intonaco color crema.

 Orario di apertura

La villa, nonostante presenti una mostra al suo interno, è molto difficile trovarla aperta. Si consiglia perciò di contattare direttamente la struttura.

Contatti

Numero: +39 057232026

Indirizzo: Via Livornese, 28 – Villa di Bellavista

51011 Borgo a Buggiano – Pistoia


Galleria


Mappa

 

Foto prese da: www.oltrepistoia.it; mapio.net; www.discoverpistoia.it; www.borghiditoscana.net;

Condivivi sui SocialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *