Marliana

Marliana è un comune di 3203 abitanti della Montagnana Pistoiese in provincia di Pistoia, in Toscana, situato in su un’area montanara di media altitudine.

Per raggiungerlo basta percorrere via Pieve a Celle e poi prendere la SP 17, salendo le curve per circa 10-15 minuti si inizia ad entrare nel Paese, circondato da boschi di castagno ed abeti, il tutto accompagnato da una leggera aria fresca, ideale per i giorni estivi.

Nel territorio sono presenti molte chiese, una di queste è la Chiesa di San Niccolò, nella quale è possibile ammirare i resti di un’antica porta Castellana documentata sin dal 1373.

Le terre del comune hanno ospitato fin dalla preistoria popolazioni provenienti da altre zone, si suppone che i territori vennero occupati nel 217 a.C. circa da Annibale durante la sua marcia verso Roma. Nell’età comunale, invece, per la sua vantaggiosa posizione geografica divenne l’avamposto fra Pistoia e Lucca, ma in seguito venne conquistata dagli stessi lucchesi guidati dal condottiero Castruccio Castracani. Alla morte di quest’ultimo Marliana tornò nelle mani di Pistoia per poi passare in quelle di Firenze.

Il comune di Marliana è diviso in 5 frazioni: Avaglio (54 abitanti), Casore del Monte (54 abitanti), Momigno (360 abitanti), Montagnana Pistoiese (342 abitanti) e Serra Pistoiese (95 abitanti).

Il paesino più visitato e più conosciuto rimane però Montagnana con edifici molto antichi che risalgono al Medioevo, costruiti in pietra, intervallati da vie lastricate su di un pendio, riuniti intorno alla chiesa di S.Lucia e S.Giusto e da na torre campanaria del XVIII secolo.

Per chi ama mangiare, questo è il posto giusto per voi, i boschi brulicano di funghi e castagne, prelibatezze della zona: da queste ultime si può preparare la polenta dolce, con la quale si fanno i famosi necci, ma si possono anche gustare cotte in pentola o arrostite.

Se volete godervi queste specialità, non mancate alla sagra del mese di Settembre, presa d’assalto da pistoiesi e turisti che non vogliono privarsi da tali piaceri.

Ai nostri giorni il territorio è diventato una meta turistica estiva.


Galleria

Fonte immagini:

sagretoscane.com, youtube.com, solosagre.it, commons.wikimedia.org, locandazacco.com


 Mappa

Fonte immagini: wikipedia.org e controradio.it

Condivivi sui SocialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *