Torre di Catilina nel Parco Puccini Pistoia

La Torre di Catilina segna l’estremo limite settentrionale del Parco Puccini, limite spaziale e visivo dei percorsi del parco che da Porta al Borgo si estendeva fino alle propaggini dell’Appenino tosco-emiliano.

Niccolò Puccini

Niccolò Puccini nasce a Pistoia il 10 giugno 1799 e morirà nella stessa città il 13 febbraio 1852.

E’ stato un intellettuale e politico con passioni per la letteratura, passioni che nacquero in lui fin da piccolo grazie all’influensa data dal padre e dallo zio. A causa delle sue idee risorgimentali fu sorvegliato dalla polizia granducale.

Alla sua morte destinò tutti i suoi averi per l’istruzione di orfani e bisognosi

 

Le Opere

Puccini abitava nella periferia della città, nella “ Villa di Scornio ” oggi chiamata “ Villone Puccini ”; si preoccupò molto dell’aspetto della villa.

Fu proprio per questo che fece abbellire la villa con un parco e un laghetto con isoletta al centro.

Puccini fece diventare la villa il fulcro della vita culturale e politica della Pistoia di allora. Grazie all’abbellimento della villa riuscì anche a circondarsi di personaggi importanti come per esempio Giacomo Leopardi. In pochi anni la Villa divenne luogo di testimonianza di diversi valori sociali.

Valori sociali che si leggono tuttora nello scenario naturale e nei monumenti che Niccolò fece costruire tra il 1825 e il 1845, come la Torre di Catilina, il Ponte Napoleone, le statue dedicate a Michelangelo e Galileo e il Castello Gotico.

 

Cartolina “Villa con Torre”

La Torre

La torre fu progettata da architetti illustri a partire dal 1828. Venne costruita nel parco del Puccini nel 1840 Da Luigi de Cambray(1778-1843), Giuseppe Martelli ( 1792-1876), Alessandro Gherardesca (1779-1852). I lavori  della torre furono inaugurati dal pittore Luigi Sabelli che nel 1840 gettò le fondamenta del’edificio.

https://www.comune.pistoia.it/1983/Parco-Puccini
Pianta storica “Parco Puccini”

 

La torre fu fatta costruire in questo punto della proprietà dal Puccini a seguito di una ricerca sulle convinzioni di allora in relazione allo scontro fra i seguaci di Catilina e gli eserciti inviati da Roma.

Dalle ricerche risultava che lo scontro fosse avvenuto nella vicina Piana dei Vaioni. Come da testimonianza del Dizionario toponomastico delle alte valli della Brana, della Limentra e dell’Ombrone. documento storico

Dove si trova

Per raggiungere la torre di Catilina della piana dei Vaioni bisogna raggiungere la zona di Legno Rosso.

Proseguire nella via Bolognese fino allo svincolo della superstrada.

Svoltare in superstrada direzione Pistoia est.

Quindi svoltare a sinistra e dopo pochi metri svoltare a destra in “via torre di catilina”.

La strada che porta alla torre è costeggiata da alcune case per questo è di uso privato o per un numero ristretto di permesso ma comunque percorribile fino alla torre.

“Via torre di Catilina”

Dal Parco Puccini al Centro Storico della città

Una leggenda popolare narra che un tunnel sotterraneo unisca la Torre di Catilina della Piana dei Vaioni con la Torre di Catilina di Piazza del Duomo. Ad oggi non vi sono conferme.
La Torre di Catilina di Piazza Duomo, costruita nel IX secolo a.C. è una delle poche rimaste delle numerose che esistevano in città in epoca romanica.

Storia

Secondo la leggenda, la torre prende il nome dal famoso ribelle romano Lucio Sergio Catilina. Entrato nella storia per aver cospirato contro il Senato romano allo scopo di instaurare a Roma una dittatura da lui capitanata.
Le armate consolari di Marco Petreio, raggiunsero e si scontrarono con Catilina e i suoi soldati.
Lo scontro fu cruento e l’esercito romano ebbe la meglio. Catilina fu gravemente ferito e ucciso dal nemico Questo fu il tragico epilogo della cosiddetta Battaglia di Pistoia.
Il corpo di Catilina fu sepolto proprio in Via Tomba di Catilina di fianco alla Piazza del Duomo, in quella occasione fu costruita anche la singolare Torre che prende il suo nome e che si dice “guardi” dove fu sepolto il suo corpo.

Condivivi sui SocialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *