Convento di Giaccherino Pistoia

Il convento di Giaccherino, chiamato fin dall’antichità “convento del monte Lucense”, è situato su un colle a meno di 4 chilometri da Pistoia.

Il primo nucleo della struttura nacque all’inizio del XV secolo, quando vi si insediarono i frati Minori dell’Osservanza, e comprendeva una piccola chiesa, un refettorio, la cucina, l’infermeria e due chiostri intorno ai quali si aprivano delle celle.

La costruzione fu voluta da Gabriello Panciatichi, ricco usuraio del tempo, che voleva fare un’ opera di bene per cancellare i suoi peccati e guadagnarsi un posto in Paradiso.

Nel corso dei secoli il convento si ampliò fino a diventare uno dei principale centri francescani della Toscana.

Fu arricchito con opere artistiche e venne costruita una biblioteca grazie alla quale il convento divenne anche un luogo di studio per il clero e ospitò molti religiosi che ricoprivano cariche importanti alle università di Bologna, Firenze, Pisa e Roma.

Oggi l’ex convento di Giaccherino costituisce uno dei luoghi più rappresentativi, suggestivi e interessanti della città.

Inoltre, a seguito del recente restauro, il complesso si presenta ancora più affascinante e grazie alla sua versatilità e comodità (offre un parcheggio con capienza massima di 300 auto) è utilizzabile per cerimonie, matrimoni, cene di gala ed eventi privati di qualsiasi genere.

Da non dimenticare è la Via Crucis. E’ un un percorso segnato da 14 tabernacoli che scandiscono le stazioni della passione di Cristo  e ti accompagnano fino all’arrivo al convento.

Il convento è aperto dal lunedì alla domenica 24 ore su 24.


Galleria immagini


Mappa

Condivivi sui SocialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *